Speed Date Letterario: come avere successo

La verità è che pubblicare con una casa editrice di alto livello è molto difficile, ma non impossibile. Oggi voglio parlarti di un modo nuovo che le case editrici usano per selezionare gli scrittori e le scrittrici: lo speed date letterario. Una formula di incontro che da pochi anni è stata utilizzata anche nel settore della narrativa per fare scouting e trovare nuovi talenti. Una grande opportunità per chi riesce a presentarsi nel modo giusto. In questo articolo ti fornisco alcuni consigli pratici per partecipare nel migliore dei modi e ti racconto come è riuscita Maria (una scrittrice con cui ho collaborato) a ottenere l’attenzione di una importante casa editrice italiana.

 

speed date letterario

 

Cos’è uno speed date letterario


Lo speed date letterario è un incontro durante il quale hai 5-10 minuti a disposizione per parlare con un addetto ai lavori della casa editrice o dell’agenzia letteraria che organizza l’evento.

5-10 minuti che sembrano pochi, ma che in realtà possono essere interminabili. È un’opportunità unica per presentare il tuo romanzo e creare interesse nel tuo interlocutore.

Il fine ultimo dello speed date letterario è far conoscere il tuo romanzo e la tua visione del mondo a una casa editrice di alto livello.

Dal punto di vista dell’addetto ai lavori lo scopo è trovare nuovi talenti a cui proporre una pubblicazione di qualità.

Come sfruttare questa grandissima opportunità che ti viene proposta gratuitamente?

Continua a leggere con attenzione.

 

 

Dove e quando partecipare


Da qualche anno a questa parte gli speed date letterari vengono organizzati in eventi editoriali come Tempo di libri a Milano, Il Salone del libro di Torino o al Women’s Fiction Festival di Matera.

In questo archivio trovi un elenco in continuo aggiornamento di tutti i maggiori eventi letterari italiani. Se ne conosci altri, aggiungi il nome dell’evento alla lista.

Per trovare quello che più si addice al tuo romanzo ti basterà quindi studiare il programma dei singoli eventi e prenotare un posto allo speed date letterario che più ti interessa.

Di solito sono totalmente gratuiti.

A organizzarli sono case editrici e agenzie letterarie di tutto rispetto, quindi non farteli sfuggire, ma allo stesso tempo non presentarti impreparato su chi ti sta di fronte.

Non improvvisare.

Vediamo perché partecipare e come farlo nel migliore dei modi.

 

Perché partecipare


Partecipare a uno speed date letterario è sicuramente una grande occasione. Hai l’opportunità di parlare direttamente con un editor, un agente letterario, un valutatore di casa editrice.

Cosa puoi dire in cinque minuti del tuo romanzo per cogliere l’opportunità che ti stanno dando?

Naturalmente non puoi dire tutto, devi quindi focalizzare l’attenzione del tuo interlocutore sugli aspetti distintivi del tuo romanzo.

Per capire quali sono, se sei in difficoltà, chiedi assistenza al tuo editor personale, se ne hai uno. Dovrebbe essere il tuo più grande alleato.

A me è capitato diverse volte di aiutare autori e autrici a presentarsi in modo efficace a uno speed date letterario.

Voglio raccontarti la storia di Maria, una scrittrice con cui ho collaborato, e l’esperienza che ha avuto partecipando recentemente a uno di questi eventi in occasione della fiera internazionale dell’editoria Tempo di libri a Milano.

Allo scadere dei 10 minuti a disposizione Maria è riuscita a destare interesse nell’editor di casa editrice, tra l’altro importante autore italiano, che le ha lasciato la sua email personale e le ha chiesto l’invio del manoscritto.

Maria non ha mai pubblicato e quando è arrivata da me non sapeva bene come muoversi nel mondo editoriale, ma aveva un tratto distintivo: aveva le idee chiare sul messaggio che voleva veicolare col suo romanzo.

L’opportunità dello speed date letterario in questo caso è stata colta in pieno e, me lo auguro, porterà Maria a pubblicare con quella casa editrice. Se ciò avverrà, ti racconterò altri particolari che al momento non posso svelare.

Ma come è riuscita Maria a presentarsi in modo efficace all’editor, tanto da risvegliare in lui interesse per il suo romanzo?

 

3 errori da evitare


Prima di dirti cosa ho consigliato a Maria voglio però indicarti quelli che secondo me sono i tre errori da evitare.

#1 Autocelebrazione

Gli sproloqui non piacciono a nessuno, neanche a te.

Non appesantire la discussione parlando della tua bravura nella scrittura o nel demolire la scrittura degli altri, magari di autori di successo.

Ti garantisco che è fastidioso e puoi rischiare di essere percepito come una persona arrogante e presuntuosa.

E chi vorrebbe collaborare con una persona arrogante e presuntuosa?

 

#2 Raccontare tutto il romanzo

Non raccontare tutto il romanzo nei minimi dettagli.

Non dilungarti sulle singole scene del romanzo, perché il tuo interlocutore, non avendo letto il manoscritto, non potrà capire di cosa stai parlando.

Ci sarà tempo per farlo in un eventuale secondo colloquio privato nell’ufficio personale dell’editor presso la sede della casa editrice.

 

#3 Raccontare la tua vita personale

Non raccontare la tua vita personale, se non strettamente collegata al romanzo.

Se alcuni eventi della tua vita aggiungono valore alla storia che hai narrato nel tuo romanzo allora hanno senso, altrimenti evita.

Il tuo interlocutore non è interessato alla tua vita personale, ma al romanzo che hai scritto.

 

Come affrontare con successo uno speed date letterario


Ora ti racconto come è riuscita Maria a ottenere il contatto diretto con l’editor di casa editrice.

Quando Maria mi ha chiesto di aiutarla a definire gli argomenti da trattare durante lo speed date letterario ho preso carta e penna e ho ragionato sui suoi punti di forza.

Ecco le quattro domande che devi porti e che hanno permesso a Maria di suscitare interesse nel prestigioso editor di casa editrice.

 

#1 Cosa pubblica la casa editrice?

Quando ti siedi al tavolo con l’addetto ai lavori, devi sapere chi è e cosa pubblica la casa editrice che ha organizzato lo speed date letterario e con la quale vuoi avere una collaborazione.

Chiediti: il genere letterario del mio romanzo è in linea con la produzione editoriale di quella precisa casa editrice?

Se la risposta è sì, allora sei sulla buona strada per ottenere un risultato positivo.

Le case editrici non sono tutte uguali e ognuna (dovrebbe) veicolare messaggi precisi. Le singole collane infatti hanno dei tratti distintivi che le rendono uniche agli occhi dei lettori. Facci caso la prossima volta che acquisti un romanzo di casa editrice.

Il tuo romanzo deve inserirsi bene all’interno di questo ecosistema editoriale.

Maria sapeva bene che il suo romanzo era in linea con la casa editrice a cui si stava rivolgendo attraverso un suo rappresentante.

 

#2 Perché hai scritto il tuo romanzo?

Che competenze hai messo in campo per scrivere quel romanzo?

Spesso nelle biografie degli autori esordienti vengono messi in risalto i tratti distintivi della persona che sono coerenti con la storia narrata.

Restituiscono autorevolezza e fanno capire ai lettori che lo scrittore ha tutte le carte in regola per aver scritto una storia di qualità.

Stesso discorso vale quando presenti la tua opera inedita a uno speed date letterario.

Faccio qualche esempio:

– hai scritto un legal thriller, perché sei un avvocato;

– hai scritto un romanzo storico, perché sei un archeologo;

– hai scritto un fantasy distopico, perché sei un grande appassionato di Hunger Games.

– hai scritto di romanzo ambientato in Irlanda, perché hai vissuto per cinque anni su quella fantastica Isola e la conosci come le tue tasche.

Pensaci: qual è il tratto distintivo della tua vita che ti ha permesso di scrivere proprio quella storia?

Mi è rimasta impressa una frase che disse Catherine Dunne, quando la incontrai a Livorno qualche anno fa.

“Le storie che racconto partono quasi sempre da eventi familiari realmente accaduti, perché sono gli eventi che conosco meglio”.

 

#4 Quale potrebbe essere il vantaggio per la casa editrice?

L’editore è un imprenditore e come tale investe sulla tua storia, rischiando dei soldi, solo se ne trova un vantaggio profittevole.

Questo differenzia gli editori seri dalle case editrici a pagamento.

Dato che sei uno scrittore esordiente, qual è il vantaggio che avrebbe l’editore a pubblicarti?

Un folto pubblico di lettori che già ti segue sui social network?

Uno stile unico e inconfondibile?

La trattazione di un argomento originale, che va a colmare un vuoto editoriale?

Rifletti bene su questo punto.

Nel caso di Maria era un messaggio chiaro, forte e preciso su un argomento poco conosciuto.

 

#5 Quali sono i punti forti del tuo romanzo?

Ultimo punto, ma non per importanza.

Con Maria abbiamo ragionato sugli elementi che rendono unico il romanzo.

Nel tuo caso potrebbe essere l’ambientazione, un personaggio, un aspetto particolare della trama o il messaggio che vuoi veicolare ai tuoi lettori.

Se hai progettato il tuo romanzo, questa analisi sarà molto semplice. In caso contrario potresti avere delle difficoltà.

Fai questa prova: riassumi in cinque righe la tua storia, evidenziando i tratti forti. Se non riesci a rientrare nelle cinque righe vuol dire che c’è qualcosa che non va.

La sintesi in uno speed date letterario è fondamentale, quindi se per evidenziare un punto forte del romanzo fai un giro di parole lunghissimo probabilmente farai fatica a comunicare con il tuo interlocutore.

Tieni presente che l’ansia da prestazione può giocarti un brutto scherzo, quindi non sottovalutare la trascrizione dei punti di forza del tuo romanzo.

La progettazione narrativa, oltre ad aiutarti a superare il blocco dello scrittore e a facilitare la scrittura, può aiutarti durante uno speed date letterario a comunicare il tuo romanzo nel migliore dei modi, con chiarezza, precisione e semplicità.

Se hai seguito il corso Progettazione su Misura sai bene che la progettazione narrativa ti aiuta in ogni fase del processo creativo letterario. Ti semplifica la vita in modo incredibile.

Quando partecipi a uno speed date letterario, sii sempre coerente, conciso e sottolinea i punti di forza tuoi e del tuo romanzo.

Maria grazie a tutto questo ha concluso il colloquio con una stretta di mano, un biglietto da visita con i recapiti personali dell’editor di casa editrice e con un motivo in più per credere nella realizzazione del suo sogno.

Un sogno che covava da anni e che pensava di non poter realizzare.

Spero che questi consigli siano utili anche a te per presentarti nel migliore dei modi durante il prossimo speed date letterario a cui vorrai partecipare.

Naturalmente a un’ottima presentazione deve corrispondere un romanzo curato e originale. Altrimenti tutto quello che hai letto fino ad ora servirà a poco.

Vuoi migliorare subito il tuo romanzo prima che sia troppo tardi?

Scarica gratis i due Report Tecnici che ho preparato per te.

 

Se questo articolo ti è stato utile, lascia il tuo “Mi Piace” alla mia pagina Facebook. Te ne sarò immensamente grata. 🙂